È ora di lasciare tuo marito? 3 modi per sapere

Se sei incredibilmente frustrato, arrabbiato o ferito da qualcosa che tuo marito ha fatto, non sei solo. Ogni matrimonio ha delle sfide, alcune più grandi di altre. Molte persone sono arrivate al punto di rottura e si chiedono se sia ora di lasciare il marito. Questo può essere vergognoso, straziante e persino spaventoso. Vivere nell'ignoto e sentirsi senza speranza non è una mentalità sostenibile. In questo post del blog, esamineremo alcuni modi per sapere se è ora di lasciare tuo marito o se dovresti resistere. Nessuno sa cosa stai passando meglio di te. Se leggi questo post sul blog e non riesci ancora a capire di essere con tuo marito, devi prendere la decisione migliore per entrambi.

Fonte: rawpixel.com



Modi per sapere se dovresti lasciare tuo marito

Di seguito sono riportati alcuni modi per sapere se dovresti lasciare tuo marito e ricominciare da capo. Il motivo per cui stai pensando di lasciare tuo marito potrebbe non essere in questa lista. Ciò è probabile perché ci sono modi per aiutarti a rimettere in sesto il tuo matrimonio. Più avanti in questo post del blog, vedrai alcune soluzioni per aiutarti a sistemare il tuo matrimonio e farti divertire di nuovo con tuo marito. Per ora, esaminiamo alcuni motivi per cui è nel tuo migliore interesse lasciare tuo marito.

Tendenze abusive


Uno dei segni molto chiari di cui hai bisogno per uscire dal tuo matrimonio è se tuo marito è violento nei tuoi confronti. Che si tratti di abuso mentale o fisico, nessuno di questi è accettabile. Anche se tuo marito ti incolpa delle sue tendenze violente, devi capire che non è colpa tua. Se dice che fa le cose che fa perché ti ama così tanto, sappi che l'abuso non è amore. Potrebbe dire che non può controllare la sua rabbia e si scaglia solo quando si arrabbia. Indipendentemente dalla scusa, l'abuso verbale e fisico non è mai accettabile. Se non sei sicuro se tu e tuo marito siete in una relazione violenta o meno, dai un'occhiata al ciclo della violenza relazionale:

  • Tensione che cresce a causa di discussioni verbali, gelosia e confini che vengono superati.
  • L'attacco in cui il partner violento ferisce emotivamente o fisicamente il proprio partner.
  • Le scuse dall'aggressore, chiedendo perdono.
  • Un periodo in cui il rapporto sembra ottimo e il partner ha cambiato i propri modi.
  • La tensione si accumula di nuovo e il ciclo ricomincia.

Ci sono più di tre milioni di episodi di abusi domestici segnalati ogni anno, sia da uomini che da donne. Questi sono solo gli incidenti che vengono segnalati, non la frequenza che si verifica effettivamente. Sfortunatamente, se la vittima dell'abuso rimane con il suo partner violento, l'abuso non viene risolto e può potenzialmente diventare più grave. Con l'abuso emotivo, c'è la possibilità per l'aggressore di migliorare attraverso l'aiuto della consulenza individuale. Questo perché i loro problemi di rabbia sono probabilmente dovuti a una malattia mentale, che di solito può essere curata.

D'altra parte, con l'abuso fisico, è molto difficile per qualcuno cambiare i propri modi una volta arrivati ​​al punto della violenza fisica. È anche molto difficile per la vittima essere in grado di avere una relazione sana con il proprio aggressore. Quindi, se tuo marito è fisicamente violento nei tuoi confronti, è nel tuo migliore interesse lasciarlo fisicamente e trovare subito un posto sicuro dove stare. Non avvisare tuo marito che te ne vai e fai sapere ai tuoi vicini di chiamare la polizia se sentono rumori forti provenire da casa tua. In seguito, lasciare il matrimonio è probabilmente la cosa migliore che puoi fare per te e per tuo marito.



Ha una relazione in corso

Se hai scoperto che tuo marito ha avuto una relazione, è probabile che il tuo pensiero immediato lo lasci. Anche se è molto più facile a dirsi che a farsi, è possibile riaccendere la tua relazione dopo che il tuo coniuge ha tradito, purché tuo marito sia disposto a interrompere immediatamente la relazione. Con l'aiuto di un consulente matrimoniale, tu e tuo marito potete imparare a guarire dal dolore causato dalla relazione. Tuttavia, se tuo marito non è disposto a tagliare i rapporti con la persona con cui ha avuto una relazione, dovresti chiedere il divorzio. Non solo stare con un uomo che ha una relazione in corso danneggerebbe il tuo stato mentale, ma abbasserebbe anche notevolmente la tua autostima. Inoltre, condividere un partner sessuale con qualcun altro può metterti a rischio di contrarre una malattia a trasmissione sessuale.

Fonte: rawpixel.com


Che tu ci creda o no, una reazione comune per le persone che sono state sorprese ad avere una relazione sarebbe che vorranno mantenere entrambi i loro partner nella loro vita allo stesso tempo. Quindi, se questa è stata la reazione che ti ha dato tuo marito, cerca di capire che molte persone potrebbero reagire in questo modo. Tuo marito potrebbe dire che è ancora innamorato di te, ma non può lasciar andare l'altra donna. Non c'è alcun motivo legittimo per tuo marito non dovrebbe lasciare andare la donna con cui ha una relazione, ma continuare a rimanere sposato con te. Per quanto possa essere straziante e sconfitto lasciare tuo marito, è necessario farlo se vuole continuare la sua relazione. Ricorda, non meriti di essere costretto a condividere tuo marito con qualcun altro. Un divorzio è molto difficile da affrontare, soprattutto se hai figli, ma non dovresti stare con qualcuno che non è disposto a smettere di avere una relazione.



Abuso di alcol o droghe

Se tuo marito ha abusato di alcol o droghe, potresti chiederti se dovresti chiedere il divorzio. Quando scopri per la prima volta la dipendenza con cui tuo marito sta lottando, dovresti fare del tuo meglio per aiutarlo. Mettilo in contatto con un consulente, un centro di riabilitazione o un medico. Aiutalo a rimanere responsabile durante la sua guarigione e dagli la grazia se mai sbaglia. Potrebbero volerci anni per migliorare, ma sii paziente e lodalo per i suoi cambiamenti positivi.

Anche se essere un coniuge impegnato significa stare al fianco di tuo marito nel bene e nel male, potrebbe esserci un momento in cui abbastanza è abbastanza. La dipendenza è molto difficile da capire per le persone più vicine a chi sta combattendo la dipendenza. Ci sono momenti in cui la persona non ha voglia di ottenere aiuto. Ci sono momenti in cui prendono decisioni potenzialmente pericolose per la vita. Gli anni possono passare e non è stato apportato alcun cambiamento positivo, e potrebbero anche peggiorare. Se questo è il caso per te e tuo marito, potrebbe essere il momento di chiedere il divorzio, soprattutto se tuo marito ha messo in pericolo te oi tuoi figli a causa della loro dipendenza. Tuttavia, non rinunciare a tuo marito se hai appena scoperto la sua dipendenza. Fai ciò che è menzionato nel paragrafo sopra perché c'è una grande possibilità che possa sconfiggere la sua dipendenza e il tuo matrimonio può tornare in pista.

Quando non dovresti lasciare tuo marito?

Ora che abbiamo affrontato alcune situazioni in cui il divorzio è l'opzione migliore, parliamo di quando dovrestinonlascia tuo marito. A dire il vero, la consulenza relazionale può aiutare a risolvere la maggior parte dei problemi coniugali, poiché è efficace circa il 75%. Ovviamente devi fare ciò che è meglio per te e tuo marito, qualunque cosa dica. Se credi davvero di dover divorziare e non c'è speranza, cerca il divorzio. Ma se non sei ancora sicuro di lasciare tuo marito, non arrenderti ancora. Ci sono molte cose che il tempo, un po 'di sforzo e la consulenza relazionale possono risolvere. Qui ci sono solo alcune:

Fonte: rawpixel.com

Quando i tempi si fanno duri

Nonostante quello che fanno sembrare le commedie romantiche, ogni singola relazione ha problemi o avrà problemi. Solo perché tu e tuo marito avete litigato ultimamente e non andate d'accordo, non significa che dovete divorziare. Per la maggior parte, un po 'di tempo trascorso insieme e alcuni discorsi intenzionali possono aiutare le coppie a superare i momenti difficili. Se questo è il motivo per cui stai prendendo in considerazione il divorzio, prova a resistere o partecipa a un consulto di coppia.

Quando non senti più la scintilla

Se tu e tuo marito non state litigando, ma semplicemente non sentite la scintilla o non avete più farfalle intorno a loro, non significa che dovreste lasciarlo. È normale annoiarsi con tuo marito a un certo punto della tua relazione. È normale sentirsi delusi dal proprio matrimonio. Di solito è solo una fase che la maggior parte delle coppie attraversa e si risolve da sola. Se ti senti così riguardo al tuo matrimonio, è molto probabile che tuo marito la pensi allo stesso modo. Parla con lui apertamente e cerca di trovare una soluzione.

Ti infastidisce

Il tuo coniuge ha avuto il tuo ultimo nervo scoperto ultimamente? Tutto quello che dice ti fa solo scuotere la testa irritato? Questo accade abbastanza frequentemente nei matrimoni. Cerca di passare un po 'di tempo a fare le cose da solo o con i tuoi amici per un po'. Potresti aver bisogno di un po 'di spazio e ti stai calpestando a vicenda. Mentre aspetti che questi sentimenti si placino, cerca di essere gentile con tuo marito e di essere paziente con lui. Non vuoi essere offensivo nei suoi confronti. Comunicagli come ti senti con un tono gentile senza sminuirlo. Voi due sarete sicuri di superare questi sentimenti di costante fastidio.

Fonte: rawpixel.com

Dovresti lasciare tuo marito?

Come accennato, se hai appena finito il tuo matrimonio e non vuoi altro che andare avanti, allora questa potrebbe essere l'opzione migliore per te. È incredibilmente difficile sistemare un matrimonio quando hai quel tipo di mentalità. Finché non sei in pericolo e il tuo coniuge è disposto a impegnarsi, di solito puoi risolvere la maggior parte dei problemi coniugali. Con l'aiuto di un consulente matrimoniale autorizzato, voi due potete imparare a guarire da un evento straziante, comunicare in modo efficace e come fare meglio in futuro. Se decidi di restare con tuo marito, non perdere la speranza se ci vuole un po 'per tornare in carreggiata. Quando il tuo matrimonio sarà di nuovo felice, varrà la pena dedicare tempo e fatica.