È tutto troppo: sentirsi come se dovessi rinunciare alla vita

C'è l'aspettativa che la vita debba essere costantemente eccitante, significativa, piena di momenti paesaggistici e scopo. Molti di noi possono sentirsi spinti a fare in modo che ogni singolo giorno conti o ad avere ogni momento importante per soddisfare questo ideale. Tuttavia, questa non è necessariamente una rappresentazione realistica della vita poiché sorvola su molti degli aspetti più comuni e banali della vita. Mentre la vita ha i suoi momenti emozionanti e significativi, ci sono anche molti momenti nella vita che dimentichiamo per la loro apparente mancanza di significato. Non c'è modo di aggirarlo; alcuni giorni sono meh. A causa di questa rottura nelle aspettative e nella realtà, molti di noi spesso sentono che la vita non sta funzionando per noi. Ci sentiamo come se la vita fosse troppa, o forse anche troppo poco, e iniziamo a pensare di rinunciare alla vita.

Fonte: rawpixel.com

A volte, quando abbiamo voglia di rinunciare alla vita, iniziamo a chiederci se ci sarebbe qualche differenza nella nostra vita e nella nostra morte. La vita sembra inutile come se niente cambierà mai, e forse anche come se le cose potessero andare meglio se noi fossimo andati. Se ti sei già sentito in questo modo, non sei solo. Molte persone hanno voglia di rinunciare alla vita per una serie di motivi. A volte, la vita sembra troppo dolorosa, ma questo non significa che la tua vita sia inutile: la tua vita conta. Sei importante, anche se non sembra sempre che sia così.



Anche se può sembrare allettante in un modo strano, rinunciare alla vita potrebbe non essere necessariamente la risposta. In definitiva, non risolverà nessuno dei problemi che potresti dover affrontare. Se hai voglia di rinunciare alla vita, potrebbe essere un indicatore del desiderio di un grande cambiamento o della necessità di una pausa e di meno fattori di stress. Anche se richiede tempo e talvolta una guida professionale, non ti sentirai necessariamente così per sempre e potresti essere in grado di trovare un rinnovato interesse per la vita.

Vivere con una mancanza di motivazione


Il mondo di oggi si aspetta che siamo altamente motivati ​​e produttivi quasi tutto il tempo. Restare occupati viene spesso utilizzato per misurare il valore di una persona e spesso possiamo trovarci a confrontare i nostri programmi e le nostre vite con gli altri. Se i nostri giorni non sono pieni fino all'orlo, può sembrare che non stiano ottenendo molto e, a sua volta, può sembrare che nemmeno noi. All'improvviso potremmo ritrovarci a rimproverarci per non essere così occupati o come & ldquo; importanti & rdquo; come altre persone. Sebbene sia facile pensare che se non facciamo valere ogni giorno, stiamo fallendo, questo non è necessariamente vero.

La maggior parte di noi non vive in modo produttivo quasi tutto il tempo. Siamo umani, abbiamo bisogno di pause e la maggior parte di noi ha voglia di rinunciare di tanto in tanto. Non è raro sentirsi apatici o incapaci di provare in una determinata situazione. Che si tratti di non spingerti a ottenere una promozione o di sentirti demotivato ad alzarti dal letto tutta la settimana, la sensazione di rinunciare alla vita non è estranea alla nostra società. Ci viene insegnato a spingerci oltre e a spingerci oltre le nostre barriere e confini. Tuttavia, sentirsi indifferenti o come non provare non è un tale peccato. A volte non ci piace veramente ciò con cui abbiamo a che fare nella vita; siamo ancora riusciti a trovare un sostituto appropriato. A volte semplicemente non lo sentiamo e non abbiamo l'energia per scoprire cosa c'è che non va. Quando ci sentiamo esausti, potremmo persino iniziare a confrontare i benefici della vita e della morte. Questo non è del tutto raro e sentirsi in questo modo non significa che ci sia qualcosa di sbagliato in te.

Fonte: rawpixel.com

A volte ciò che si sente come rinunciare alla vita potrebbe anche essere un'indicazione del bisogno di una pausa o di un cambio di ritmo. Ha senso che si voglia rinunciare alla vita quando si ha la sensazione che nulla cambierà o che ogni sforzo che fai è inutile e inosservato.



Come gestire l'essere sopraffatti

Spesso il desiderio di arrendersi nasce dalla sensazione di essere sopraffatti dallo stress e dalle aspettative da noi stessi o dagli altri. Quando siamo in questa posizione più di ogni altra cosa, vogliamo che tutto vada via, che cada, che ci lasci in pace. Questo desiderio può portare all'apatia verso la vita. Quando non ci interessa qualcosa o lo etichetti come qualcosa che non ha importanza, può essere più facile lasciarlo cadere o evitarlo. Questo può aiutarci a trovare la pausa di cui abbiamo bisogno per noi stessi senza provare un travolgente senso di colpa per aver abbandonato le responsabilità o gli obiettivi personali. Il processo di pensiero può diventare qualcosa del tipo, 'Non importa, quindi va bene se non lo faccio io.' È perfettamente normale prendersi una pausa da qualcosa o anche da più cose. Questo è un momento per essere onesto e gentile con te stesso su ciò che puoi veramente affrontare in una volta. A volte le cose devono essere messe in attesa; non c'è vergogna in questo.

Piuttosto che rinunciare a tutto in una volta, potrebbe avere senso aggiungere pause più piccole e tempo per te stesso durante la giornata, la settimana o il mese. Questo può aiutarti a capire meglio dove devi provare sollievo e forse anche portarti a capire cos'è che ti fa sentire come se volessi rinunciare. Gli esperti di salute mentale suggeriscono che quando combattiamo situazioni di stress, facciamo delle pause per fare esercizio, meditare o goderci un hobby come metodo per affrontare la vita. È importante bilanciare le nostre responsabilità con le nostre esigenze, come il riposo e il benessere mentale.


Prendersi del tempo per fare cose che ci piacciono particolarmente o che fanno bene al nostro corpo e alla nostra mente può aiutarci a creare uno spazio tra noi stessi e sentimenti travolgenti. Questo può anche essere un buon momento per riscoprire un interesse che è svanito e può persino far luce su dove risiedono le tue passioni e su come creare un rinnovato interesse per la vita.



Come gestire l'essere delusi

In alternativa, a volte possiamo sentire il bisogno di rinunciare alla vita o abbandonare un progetto perché semplicemente non sta facendo nulla per noi. Non è insolito sentire di non avere niente da fare per te, molti di noi affrontano momenti in cui le nostre vite sembrano diventare una routine banale di cui non ci preoccupiamo veramente. Questo è un punto significativo in cui hai l'opportunità di analizzare ciò che non funziona per te e come potresti voler cambiare. Ad esempio, se sei bloccato in un lavoro inutile, non ti interessa, questa potrebbe essere un'opportunità per esaminare ciò che ti interessa e se questo potrebbe portarti altrove.

È fondamentale in questi momenti non mettere troppe pressioni o aspettative su se stessi. Quando hai voglia di rinunciare alla vita, sei in uno stato emotivo delicato e dovresti essere disposto a trattarti con gentilezza e concederti spazio per prenderti del tempo libero. Considera l'idea di condividere i tuoi sentimenti con un amico o un familiare. Spesso chi ci conosce meglio può aiutarci a capire perché potremmo sentirci in un modo particolare. Anche se non sono in grado di concludere, condividere questi sentimenti confusi può esserti utile e consentirti di capire meglio cosa stai attraversando. Se questi non sono sentimenti che sei disposto a condividere, valuta la possibilità di scrivere di ciò che provi e guarda cosa ti viene in mente.

Terapia come risposta alla rinuncia alla vita

A volte la sensazione di voler rinunciare alla vita va oltre il cambiare qualcosa della tua vita o il tempo per te stesso. Se questo è il caso, potrebbe essere utile parlare con un professionista della salute mentale dei tuoi sentimenti.

A volte le persone possono usare l'apatia come metodo di coping per tenere a bada emozioni più grandi e più spaventose. Molte persone che hanno vissuto traumi come la violenza infantile o un'esperienza di relazione abusiva possono usare l'apatia come un modo per combattere alcuni dei sintomi del trauma. In questi casi, può essere utile avere un aiuto professionale nell'elaborare sia i tuoi sentimenti di apatia sia alcune delle emozioni più intense che devi ancora affrontare.

Fonte: rawpixel.com

Il desiderio di rinunciare alla vita può anche indicare la depressione. Parlare con un terapista può aiutarti a saperne di più su come convivere potenzialmente con la depressione e su come affrontare la sensazione di voler rinunciare alla vita. Molti professionisti della salute mentale autorizzati sono presenti a ReGain, che possono lavorare con te per comprendere meglio questi sentimenti travolgenti e come affrontarli al meglio.

Se i tuoi sentimenti di rinunciare alla vita persistono, potresti prendere in considerazione l'idea di cercare un aiuto professionale. Se ritieni di dover parlare immediatamente con qualcuno, puoi chiamare il numero 1-800-273-8255 o visitare https://suicidepreventionlifeline.org/ per assistenza immediata.