Il significato del matrimonio: una storia di partnership e unioni dal mondo antico ai giorni nostri

Merriam-Webster descrive il matrimonio come 'stato di unione come coniugi in un rapporto consensuale e contrattuale riconosciuto dalla legge'. Questa definizione assume oggi un significato ancora maggiore. Nel 2015, gli Stati Uniti si sono uniti a diverse altre nazioni per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, creando un significato più inclusivo del termine. Oggi il matrimonio simboleggia l'amore e la devozione eterna. Questi legami romantici non sono apparsi molto tempo fa.

Fonte: rawpixel.com



Le unioni basate sull'amore romantico sono apparse solo poco più di un secolo fa! Prima di allora, erano accordi economici e di lavoro: la cosa più lontana dal romanticismo che puoi ottenere. Prima di arrabbiarti con il tuo coniuge per aver dimenticato di portare fuori la spazzatura, dai uno sguardo all'evoluzione del matrimonio dal periodo antico ai giorni nostri. Sarai sorpreso di vedere quanto è cambiato!

Storia del matrimonio: cambiare gli atteggiamenti dal periodo antico ai giorni nostri

Non c'è niente di più potente che scegliere il tuo compagno e dire: 'Voglio condividere la mia vita con te, quindi legiamoci legalmente'. (Anche se, per il tuo bene, speriamo che il tuo partner abbia una proposta più romantica di questa!) Sfortunatamente, scegliere il tuo compagno è un concetto moderno, un lusso che spesso diamo per scontato.


I rituali e le cerimonie che uniscono due persone insieme risalgono alle culture preistoriche. Considerati la primissima alleanza diplomatica, i matrimoni hanno avuto vantaggi politici ed economici. Che si trattasse di unirsi contro nemici comuni, formare legami duraturi per il commercio o stabilire una chiara proprietà ed eredità della proprietà, il matrimonio era un accordo d'affari tra famiglie - niente di più.

Banns: Il matrimonio diventa pubblico



I primi matrimoni del mondo erano accordi privati ​​tra famiglie, ma l'ascesa della Chiesa li ha resi eventi pubblici. Mentre i primi capi religiosi scrivevano la dottrina cristiana, stabilirono il matrimonio come centro della famiglia e della comunità. La Chiesa all'inizio rimase in gran parte in silenzio sulle unioni private, a condizione che entrambi i partner accettassero la partita e le loro famiglie offrissero la loro benedizione. Nel corso del tempo, la Chiesa è diventata più coinvolta nelle unioni coniugali; ha creato la cerimonia di matrimonio 'ufficiale', che si è svolta all'aperto tra la tua famiglia, gli amici e i vicini.



Nel Medioevo, dovevi annunciare pubblicamente il tuo matrimonio. A partire dal 13thsecolo, ogni coppia che voleva sposarsi doveva pubblicarepubblicazioni, o avvisi pubblici, indicando la data del loro imminente matrimonio e i nomi degli sposi. Simile agli annunci di matrimonio dei giorni nostri,pubblicazioniha avvertito il pubblico del matrimonio e ha permesso a chiunque di farsi avanti e sfidare l'unione. Questi avvisi hanno eliminato le possibilità che si svolgesse un matrimonio che sarebbe stato considerato improprio o non valido. Qualsiasi membro della comunità potrebbe contestare un matrimonio per ragioni indicate dalla Chiesa, come se gli sposi fossero troppo legati o se uno di loro avesse avuto un precedente fidanzamento che non era stato adeguatamente sciolto.

Matrimoni di diritto comune nell'America coloniale

I divieti di matrimonio divennero una tradizione e alla fine si trasferirono nel Nuovo Mondo. Entro la fine del 17thsecolo, gli inglesi si stabilirono sulla costa atlantica di quelli che sarebbero diventati gli Stati Uniti, portando con sé le loro pratiche. Le colonie britanniche seguirono la common law, che seguì precedenti, non leggi scritte. In generale, le tradizioni matrimoniali seguite in Europa si sono fatte strada nel Nuovo Mondo, dove si sono adattate e si sono evolute nel nuovo ambiente.


Il governo britannico iniziò a tassare i matrimoni nel paese di origine e nelle colonie entro la fine del 1600, così tante coppie contrassero matrimoni di common law - unioni che non erano officiate da un giudice o da un funzionario religioso - per evitare di pagare la quota. Tutta la legge richiesta per un matrimonio vincolante di diritto comune era che la sposa e lo sposo accettassero di vivere come marito e moglie (con le benedizioni delle loro famiglie).



I matrimoni di common law nelle colonie erano per lo più accordi economici, ma le opinioni sul matrimonio stavano cambiando durante questo periodo. I sindacati tra uomini e donne si sono concentrati tanto sulla compagnia quanto sulla sicurezza finanziaria. Sfortunatamente, per le donne, fare un buon matrimonio con un uomo che potesse sostenerla finanziariamente era la chiave per la sua sopravvivenza. La legge comune non dava alle donne alcun diritto legale e non c'erano occupazioni in cui una donna potesse mantenersi completamente. La migliore possibilità che aveva per mantenersi finanziariamente era attraverso il matrimonio. Sebbene la Chiesa e lo Stato riconoscessero queste unioni, non erano legalmente protette. Se un marito di diritto comune moriva e voleva lasciare denaro o proprietà a sua moglie, lei non poteva ereditarli.

Il diciannovesimo secolo: il periodo vittoriano definisce lo standard per il matrimonio

Dopo la rivoluzione americana e la formazione degli Stati Uniti, i padri fondatori misero il matrimonio sotto la giurisdizione dello stato. Le leggi sul matrimonio variavano da stato a stato, ma erano simili in molti modi. La common law britannica ha influenzato il sistema legale americano e i valori vittoriani del 19thsecolo ha influenzato il modo in cui gli americani si sono avvicinati al sesso e al matrimonio.

C'è stata una lenta evoluzione in ciò che uomini e donne cercavano in un partner. Basandosi sulla compagnia che era stata importante nei secoli precedenti, l'amore, l'amicizia,ela compagnia gioca tutti i fattori nella scelta del coniuge. Un periodo di riforma religiosa e morale, il 19thsecolo ha portato anche cambiamenti significativi nei ruoli di genere. Al suo apice, la rivoluzione industriale creò maggiore prosperità economica, espandendo rapidamente la classe media. L'industrializzazione ha creato più posti di lavoro nelle città. Gli uomini trascorrevano più tempo a lavorare fuori casa, mentre le donne vi erano sempre più limitate.

Fonte: rawpixel.com

A differenza dei secoli precedenti, in cui le donne davano contributi finanziari alla famiglia, le mogli divennero le uniche custodi dei loro mariti e figli. Uomini e donne dominavano ciascuno i propri spazi di influenza: la sfera pubblica e la sfera privata. Gli uomini vittoriani occupavano aree pubbliche, mentre le donne creavano un rifugio domestico per i loro mariti quando tornavano a casa. Questa 'separazione delle sfere' avrebbe dominato il periodo vittoriano. Sebbene i vittoriani credessero che gli uomini fossero il sesso superiore, le donne regnavano sovrane all'interno della casa, mantenendo una famiglia pulita e ordinata e allevando bambini ben educati e moralmente retti. Questi codici di comportamento hanno incoraggiato le donne a cercare la realizzazione nei loro ruoli di mogli e madri, diventando il modello per 19thdonne del secolo da seguire.

Leggi sulla seduzione e matrimonio negli Stati Uniti

Questa attenzione culturale al matrimonio e alla famiglia è filtrata in tutta la società. Il sistema legale ha trovato il modo di perseguire chiunque se ne fosse discostato. Negli Stati Uniti, circa il 75% degli stati aveva leggi per perseguire la `` seduzione '' entro i 19 annithsecolo. Molti uomini convincerebbero le donne a fare sesso prematrimoniale con loro promettendo il matrimonio; se l'uomo non la sposasse, i parenti maschi della donna potrebbero accusarlo di seduzione. Sebbene questa accusa non fosse stupro, ci furono delle conseguenze per aver fatto sesso prima del matrimonio - e quella conseguenza fu il matrimonio che era stato promesso. Quando si presenta in tribunale per l'accusa di seduzione, l'uomo può o dichiararsi non colpevole, oppure può sposare la donna che ha sedotto. Se l'uomo ha scelto di evitare l'accusa, il giudice ha sposato gli ex amanti proprio lì in aula.

In un'epoca di matrimoni di common law, promettere a qualcuno che li avresti sposati era un contratto vincolante, legale come se fosse stato officiato da un funzionario religioso o civile. L'accusa di seduzione era tecnicamente una farsa: era un modo per costringere gli uomini a portare a termine il matrimonio o ad adempiere al suo contratto.Se l'uomo si rifiutava di essere un marito fedele e di sostenere finanziariamente la sua nuova moglie, i suoi parenti potevano ancora perseguirlo. per la seduzione.

Il matrimonio ha svolto un ruolo economico così dominante nella vita delle donne, quindi non hanno combattuto i sindacati. In effetti, li hanno accolti poiché difficilmente avrebbero trovato un altro marito. Gli uomini attribuivano un valore elevato alla verginità di una donna quando cercavano una moglie durante questo periodo. Se veniva trascinata in tribunale con l'accusa di seduzione, significava che non era vergine e il suo valore come sposa diminuiva.

Il ventesimo secolo: un momento di cambiamento sociale

Il significato del matrimonio subirà i cambiamenti più estremi nel corso degli anni '20thsecolo. Rifiutare i ruoli di genere del periodo vittoriano, 20th-Le spose e gli sposi del secolo si allontanarono dalla separazione delle sfere. L'allentamento degli atteggiamenti nei confronti del sesso prematrimoniale rende l'attrazione fisica un altro requisito nella scelta del coniuge. Le coppie ora considerano l'intimità fisica tanto importante quanto l'intimità emotiva.

La prima e la seconda guerra mondiale hanno modificato i tassi di matrimonio in tutto il mondo. Entrambe le guerre hanno visto un aumento dei matrimoni, con le coppie che si sono sposate più giovani. La prima guerra mondiale, un momento determinante nella storia moderna, ha cambiato la natura del matrimonio e della società nel suo insieme, il che avrebbe avuto ripercussioni per tutto il resto del ventesimo secolo.

Sebbene l'amore diventi il ​​fattore principale nella scelta di un partner, le leggi statali continuano a intromettersi nelle libertà personali all'interno del matrimonio. Le donne hanno lottato per una maggiore uguaglianza nelle loro relazioni con i loro mariti, poiché le coppie interrazziali e le coppie dello stesso sesso lottano per il riconoscimento legale delle loro unioni.

Prima guerra mondiale, matrimonio e cambiamento sociale

Fonte: rawpixel.com

Durante la prima guerra mondiale, più donne si unirono alla forza lavoro e contribuirono allo sforzo bellico. Sostituendo gli uomini durante il servizio militare, le donne si sentivano più autosufficienti. Con un maggiore controllo sulle loro vite, le donne si sono battute per più diritti. Nonostante l'ottenimento del diritto di voto fosse stato sulle suffragette & rsquo; radar dalla fine del diciannovesimo secolo, l'esperienza delle donne in tempo di guerra ha ulteriormente alimentato la campagna; le donne ottennero il diritto di voto negli Stati Uniti nel 1920 con l'approvazione del diciannovesimo emendamento.

Gli anni '20 furono anche un periodo di ripresa e reazione alla 'Grande Guerra'; La prima guerra mondiale ha ucciso più soldati di tutti i conflitti militari del diciannovesimo secolo messi insieme. Con la disastrosa guerra finita, gli anni '20 diventarono un periodo di fiorente cultura materiale e consumistica. Ancora più importante, rifletteva il cambiamento degli atteggiamenti su sesso e genere. Essendo sopravvissuti a una guerra così devastante, le persone volevano solo divertirsi. I ruggenti anni '20 erano i tempi delle flapper, della musica jazz e degli atteggiamenti rilassanti nei confronti del sesso. Il corteggiamento tra uomini e donne non è più supervisionato e le coppie iniziano a conoscersi meglio prima di sposarsi.

Gli anni della seconda guerra mondiale

Gli anni tra le due guerre (i due decenni tra la prima e la seconda guerra mondiale) seguono una tendenza globale nel matrimonio. Più coppie si sposano quando l'economia è fiorente. Il crollo del mercato azionario del 1929 mandò in frantumi l'economia e sempre più persone aspettavano di sposarsi; i massicci tassi di disoccupazione significavano che le coppie non potevano permettersi matrimoni o sostenere finanziariamente le loro famiglie. Tuttavia, l'inizio della seconda guerra mondiale ha portato il boom economico che ha incoraggiato i matrimoni più frequenti.

Negli anni '40 gli Stati Uniti entrarono a far parte della seconda guerra mondiale; l'incremento nella produzione difensiva, come armi, munizioni e veicoli, ha permesso al paese di uscire dalla Grande Depressione.

Il miglioramento dell'economia - così come la nazione in guerra - ha creato la febbre del matrimonio. Negli Stati Uniti, il tasso di matrimonio è aumentato dell'80% tra il 1941 e il 1942. Sia i funzionari religiosi che quelli civili hanno condotto questi matrimoni; alcuni giudici e officianti hanno sposato centinaia di coppie in un solo giorno! Una quantità significativa di queste frettolose unioni non durò. Circa il 25% di loro è finito con il divorzio dopo la fine della guerra nel 1945.

Alla fine della guerra, la società voleva un ritorno alla felicità domestica vista l'ultima volta durante il periodo vittoriano. L'aspetto della 'famiglia nucleare' - un marito, una moglie e i loro figli - diventa l'ideale. La separazione delle sfere ritorna, con le donne che diventano mogli e madri, mentre i loro mariti erano i capifamiglia. Tuttavia, molte donne hanno iniziato a mettere in dubbio la volontà della società di metterle all'angolo in ruoli di sole mogli e madri.

Discriminazione matrimoniale: diritti delle donne, leggi anti-meticciato e lotta per il matrimonio tra persone dello stesso sesso

Sebbene la società vittoriana amasse la moglie onorevole e casta, le donne sfidavano i loro mariti & rsquo; controllo sulle loro vite entro la fine del XIX secolo. Dando inizio al movimento per i diritti delle donne, la 'prima ondata' del femminismo ha spinto per una maggiore uguaglianza sia all'interno che all'esterno del matrimonio per tutto il ventesimo secolo. Mentre i loro predecessori volevano più libertà, la 'seconda ondata' di femministe negli anni '20thsecolo voleva di più: volevano l'uguaglianza.

La 'prima ondata': le donne ottengono un maggiore controllo sulle loro proprietà

Sebbene le donne si guadagnassero il diritto di voto entro il 1920, i loro mariti controllavano ancora la loro vita quotidiana. Una moglie non poteva nemmeno aprire una carta di credito senza il consenso del marito, né aveva voce in capitolo su quanto accaduto ai beni comuni della coppia. Quando una donna si sposava, suo marito le confiscò tutte le sue ricchezze e proprietà, tenendole o vendendole senza il contributo della moglie. Negli Stati Uniti, le donne avevano diversi gradi di controllo sulle loro proprietà, risalenti al periodo vittoriano. La maggior parte delle donne non aveva affatto il controllo delle proprie proprietà. Altri stati hanno fatto alcune eccezioni per le donne che possedevano aziende o proprietà, concedendo loro lo status di 'femme sole'. Queste donne hanno continuato a controllare i loro affari senza interferenze, anche dopo il matrimonio. Rispondendo alle pressioni sociali e politiche, i governi hanno iniziato ad approvare risoluzioni per dare alle donne maggiori libertà economiche. Anche con queste indennità limitate, le donne che possedevano una proprietà avevano una certa influenza nella scelta di un marito perché poteva mantenersi da sola.

La 'seconda ondata': le femministe affrontano i mali sociali dell'epoca

Alla fine degli anni '60, c'era una popolazione significativa di donne autosufficienti che non considerava più il matrimonio la loro unica opzione. Adottando i metodi del movimento per i diritti civili della fine degli anni '50 e '60, le femministe della seconda ondata hanno spinto per opportunità più personali e professionali. Rivolgendosi inizialmente ai politici per il loro sostegno, le femministe della prima ondata sono rimaste deluse quando nessuno si sarebbe fatto carico della loro causa. Hanno sviluppato il primo 'gruppo di pressione' femminista, l'Organizzazione nazionale per le donne (NOW). Ispirate dai guadagni ottenuti dalla NAACP per il movimento per i diritti civili, le femministe della seconda ondata hanno usato NOW per spingere per una maggiore parità di genere sul posto di lavoro.

Perseguendo un programma per convincere i datori di lavoro a porre fine alle pratiche di discriminazione contro mogli e madri che lavorano, la leadership di NOW ha sofferto di divisioni interne. Mentre alcune femministe moderate volevano continuare a spingere per condizioni migliori per le donne lavoratrici, femministe più radicali volevano affrontare più questioni sociali e politiche che le colpivano, come la guerra del Vietnam, l'aborto, così come le aggressioni sessuali e la violenza domestica sia all'interno che all'esterno. del matrimonio.

Di conseguenza, il femminismo radicale ha determinato un vero cambiamento per le donne sposate: lo stupro coniugale è stato bandito negli anni '70 e sono stati aperti i primi rifugi per la violenza domestica. Nel 1972, una parte della legge sull'istruzione superiore, nota come titolo IX, offriva maggiori opportunità alle donne nell'istruzione superiore. Ancora più importante, il femminismo radicale ha spinto per un cambiamento nelle leggi sul divorzio. Le donne infelici nei loro matrimoni potrebbero divorziare più facilmente, consentendo loro di lasciare relazioni insoddisfacenti o violente.

Leggi anti-meticciato: divieti sul matrimonio interrazziale

Fonte: rawpixel.com

Negli Stati Uniti, la supremazia bianca ha dominato come risultato dell'era della schiavitù. Dal 17thsecolo, le leggi anti-incrocio di razze hanno impedito ai rapporti e ai matrimoni tra bianchi e schiavi africani di consolidare la schiavitù come istituzione. Sebbene il furfante proprietario di schiavi li ignorasse sempre, questi regolamenti erano generalmente accettati. Anche gli abolizionisti non hanno fatto alcun movimento per abolire queste leggi. Le fazioni a favore della schiavitù hanno usato leggi anti-meticciato per screditare il movimento abolizionista, accusando gli attivisti di sostenere segretamente l'uguaglianza razziale.

Gli Stati Uniti mantennero leggi anti-meticciato sui libri per definire chiaramente come trattavano la razza in un mondo post-schiavitù. Tentando di preservare la supremazia bianca, il governo ha limitato i diritti civili fondamentali degli schiavi appena liberati. Ciò includeva le leggi anti-meticciato contro i matrimoni interrazziali. Dopo il passaggio del 13thEmendamento, i bianchi hanno sostenuto la loro opposizione al matrimonio interrazziale attraverso il terrore. I bianchi linciavano gli afroamericani per aver avuto relazioni - o anche lievi flirt - con donne bianche, anche quando erano consensuali. Questo sistema di supremazia dei bianchi rimase in pieno vigore fino al ventesimo secolo.

Le leggi statunitensi anti-meticciato si estesero anche agli immigrati asiatici che arrivarono in massa nel XIX e all'inizio del XX secolo. Quando gli immigrati cinesi arrivarono negli Stati Uniti come braccianti durante la corsa all'oro, furono isolati nelle loro comunità. Il governo non voleva che questi lavoratori si stabilissero negli Stati Uniti, quindi ha impedito loro di sposarsi e di creare una propria famiglia. In primo luogo, gli Stati Uniti hanno vietato alle donne cinesi di migrare in America. Quindi, ha applicato le leggi anti-meticciato che erano efficaci contro il matrimonio interrazziale alle unioni tra bianchi e migranti cinesi.

Alla fine, i guadagni ottenuti dai primi difensori dei diritti civili e il capovolgimento dei precedenti legali hanno trasformato la marea contro le leggi anti-meticciato. A partire dal 1948, gli stati iniziarono ad abrogare le loro leggi, ma i regolamenti del Sud rimasero in vigore. Una coppia della Virginia, Richard e Mildred Loving, sono stati condannati in base alle leggi dello stato; dopo diversi anni di appelli, la Corte Suprema ha stabilito che le leggi anti-meticciato sono incostituzionali. La sentenza federale delL'amorevole v. Virginia cancellatola restante legislazione ancora in vigore negli Stati Uniti.

La spinta finale: le coppie dello stesso sesso combattono per l'uguaglianza matrimoniale negli Stati Uniti

La regolamentazione legale dell'omosessualità deriva da centinaia di anni di controllo religioso e secolare delle relazioni omosessuali. La Chiesa ha condannato l'omosessualità e i governi, dal livello locale a quello federale, hanno approvato regolamenti che vietano le relazioni omosessuali e il comportamento sociale. Nel diciannovesimo secolo, nuove conversazioni si concentrarono sull'uguaglianza e la libertà influenzò il movimento di liberazione. Lentamente, gruppi di attivisti si sono organizzati per fare pressione sui funzionari della chiesa e dello stato affinché rimuovessero le restrizioni legali contro gay e lesbiche.

Mentre i movimenti sociali del ventesimo secolo hanno affrontato questioni difficili riguardanti la discriminazione di genere e razziale all'interno del matrimonio, gli attivisti per i diritti dei gay si sono organizzati sotto la bandiera LGBT. Richiamando l'attenzione su tutte le persone che non si identificano come etero, il movimento LGBT ha usato esempi di sensibilizzazione del movimento femminista e per i diritti civili. Gli attivisti hanno usato dimostrazioni per pubblicizzare il movimento per i diritti dei gay, assumendo leggi statali - note come leggi sulla sodomia - che criminalizzavano le relazioni omosessuali. Le leggi statunitensi sulla sodomia hanno reso le relazioni omosessuali un reato criminale, anche nella privacy della propria casa.

In risposta all'attivismo LGBT, i funzionari governativi hanno risposto con ancora più restrizioni e violenze. A New York, le tattiche di bullismo autorizzate dallo stato, con la polizia che molesta gli avventori delle strutture LGBT locali. Dopo la rivolta di Stonewall del 1969, in cui i membri della comunità LGBT hanno resistito alla brutalità della polizia, il movimento per i diritti dei gay si è diviso in gruppi specifici che hanno affrontato questioni che hanno avuto un impatto sulle loro vite. Si organizzarono le propaggini dei primi gruppi di attivisti devoti alle lesbiche e ai gay di colore, mentre i primi gruppi alleati, come il PFLAG, si unirono alla lotta per la parità dei diritti.

Una delle tante questioni affrontate entro la fine del ventesimo secolo era lo status del matrimonio. Il governo non ha riconosciuto i matrimoni tra coppie dello stesso sesso e i genitori gay e lesbiche non avevano diritti sui loro figli durante le battaglie per l'affidamento. La legge sulla difesa del matrimonio del presidente Clinton, o DOMA, firmata nel 1996, ha esentato le coppie dello stesso sesso dalla richiesta di benefici federali. Gli attivisti LGBT hanno trascorso gli ultimi anni del ventesimo secolo facendo pressioni affinché i loro matrimoni avessero diritti legali e protezioni uguali alle coppie eterosessuali .

All'alba del ventunesimo secolo, la marea stava cambiando. Diverse nazioni europee, a cominciare dai Paesi Bassi nel 2000, hanno iniziato a legalizzare le unioni dello stesso sesso. Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno lottato sul fatto che si trattasse o meno di una questione statale o federale. Nel 2000, quando alcuni stati iniziarono a cancellare le loro leggi sulla sodomia, il Vermont legalizzò le unioni civili di coppie dello stesso sesso. Infine, nel 2003, il caso della Corte SupremaLawrence v. Texasha dichiarato incostituzionali le leggi sulla sodomia. Diversi stati hanno sostituito le loro leggi sulla sodomia con disposizioni che criminalizzano il matrimonio tra persone dello stesso sesso, mentre altri stati hanno protetto legalmente queste unioni.

Nel 2012, il movimento per l'uguaglianza del matrimonio ha guadagnato un alleato nel presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che si è rifiutato di sostenere il Defense of Marriage Act. L'anno successivo, la Corte Suprema ha stabilito che il Defense of Marriage Act di Clinton era incostituzionale. Per tutto il resto del 2013 e 2014, i singoli stati confermano la sentenza della Corte Suprema, legalizzando il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Un anno dopo, la Corte Suprema ha stabilito inObergefell v. Hodgesche i restanti 13 divieti sul matrimonio tra persone dello stesso sesso erano incostituzionali, legalizzando le unioni dello stesso sesso in tutto il paese.

Con così tanti cambiamenti in ciò che rende un matrimonio sin dal mondo antico, la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso è un ulteriore passo che rende l'istituzione un diritto civile universale per tutti.

I matrimoni di maggior successo oggi sono diventati associazioni che dipendono da una comunicazione regolare e da uno sforzo costante. Sia tu che il tuo partner dovreste decidere quale dovrebbe essere il vostro matrimonio; puoi creare la tua relazione ideale o ridefinirla secondo i tuoi valori. L'onestà e l'apertura con il tuo partner su ciò che desideri è la chiave per qualsiasi relazione di successo. I servizi di consulenza professionale possono aiutarti e il tuo coniuge impara a comunicare meglio o aiutarti a perfezionare il tuo rapporto. Clicca qui per parlare con i nostri consulenti di coppia autorizzati.